Bernadette Gächter

sottoposta a sterilizzazione forzata

Bernadette Gächter, nata nel 1954, da bambina arrivò a una famiglia affiliante di rigorosa fede cattolica a St. Margrethen. All’età di sette anni, i genitori affilianti cominciarono a avere dubbi sul suo carattere e la fecero esaminare da uno psichiatra, il quale diagnosticò alla bambina una «psicosindrome infantile cerebrale organica» (oggi nota come sindrome da deficit di attenzione o ADHD). A 18 anni, Bernadette Gächter rimase incinta e questo fatto scatenò uno scandalo nella famiglia affiliante. In seguito reagirono tutore, parroco e medico di famiglia. Infine, in una perizia destinata alla clinica psichiatrica di Wil si arrivò alla conclusione che Bernadette Gächter, «con la sua indole anormale» non era in grado di crescere un bambino e si raccomandava, dopo un aborto, la sterilizzazione della giovane. Genitori affilianti, medico di famiglia e direttore della clinica la misero così fortemente sotto pressione che Bernadette Gächter alla fine acconsentì all’intervento. Successivamente, con due operazioni cercò invano di annullare gli effetti della sterilizzazione. Bernadette Gächter è rimasta senza figli per tutta la vita.

Rohner, Markus (2006): Im Namen des Anstands sterilisiert (NZZ vom 1. Oktober 2006).