Partner

Beobachter

La fondazione Beobachter si impegna tradizionalmente a favore delle vittime di arbitrio da parte delle autorità e dà loro una voce. Così ha svelato gli intrighi dell’opera assistenziale «Bambini della strada», che sottraeva i bambini alle famiglie jenisch. Sul piano politico, si è data molto da fare per le vittime di reati, facendo approvare mediante iniziativa popolare la legge concernente l’aiuto alle vittime di reati. E ha contribuito in misura sostanziale al dibattito sul rapporto con le vittime di misure coercitive a scopo assistenziale per decenni.

La fondazione Beobachter non mira solo a far conoscere questo capitolo oscuro della storia più recente della Svizzera, bensì anche a contribuire affinché sia concessa una riparazione. Molte vittime ormai sono in là con gli anni, il tempo stringe. Tuttavia non si sa ancora se il Parlamento riuscirà a giungere a una soluzione adeguata in tempo utile. Affinché la politica non possa reprimere più a lungo le sofferenze delle vittime, Beobachter sostiene l’Iniziativa per la riparazione.

Potete trovare informazioni più dettagliate sul sito www.beobachter.ch

Fondazione Guido Fluri

La Fondazione Guido Fluri persegue obiettivi che sono tutti correlati alla storia personale del suo fondatore, Guido Fluri. Affrontando il tema della violenza sui bambini, la fondazione si impegna per il benessere dei bambini in affidamento. Questo argomento va divulgato a livello pubblico e occorre incoraggiare l’interesse per i bambini svantaggiati e traumatizzati. La fondazione è impegnata a favore delle vittime di misure coercitive a scopo assistenziale attraverso diversi progetti. Tra l’altro, la Fondazione Guido Fluri ha acquistato l’ex istituto per bambini di Mümliswil e lo ha trasformato nel primo monumento commemorativo nazionale per i bambini collocati coattivamente in istituti o famiglie.

Il presidente della fondazione, Guido Fluri, è il principale promotore dell’Iniziativa per la riparazione. Con questa iniziativa vuole promuovere il dibattito pubblico sulle conseguenze devastanti delle misure coercitive e dei collocamenti extrafamiliari e permettere alle vittime che hanno subito grave pregiudizio di ottenere una riparazione. La fondazione si finanzia con mezzi propri. 

Potete trovare informazioni più dettagliate sul sito www.guido-fluri-Stiftung.ch.

L’iniziativa ha avuto un esito positivo. Da gennaio 2017 è in vigore la «Legge federale sulle misure coercitive a scopo assistenziale e i collocamenti extrafamiliari prima del 1981».

I formulari per la richiesta dei contributi di solidarietà e tutte le altre informazioni si trovano al seguente link: www.fszm.ch